Studio Commercialista-CAF dott. Froso

AUTOFATTURA PER IMPRENDITORI E PROFESSIONISTI

Ricorre molto frequentemente che nell'ambito di un'attività economica esercitata sia in forma d'impresa, sotto qualsiasi forma giuridica (impresa individuale o societaria) sia in forma di libera professione intellettuale, si verifichi il cosidetto "autoconsumo" di beni e servizi.

 

E' un'ipotesi che ricorre tutte le volte che chiudiamo un'attività, anche in forma di impresa individuale ovvero di studio professionale singolo o associato.

 

I beni e i servizi in questione sono quelli acquistati dall'esercente l'attività economica ovvero direttamente prodotti o realizzati.

 

Cosa significa "autoconsumo"?

Si tratta di una destinazione dei suddetti fattori produttivi ovvero dei prodotti o servizi realizzati dall'attività a fini estranei alla stessa come ad esempio al consumo personale dell'imprenditore, dei suoi famigliari o del professionista e dei suoi famigliari o comunque, in ogni caso, quando i beni e i servizi sono destinati a finalità estranee a quelle dell'attività economica esercitata.

 

In tutti i casi trattasi di "autoconsumo esterno" da distinguesri da quello "interno" alla struttura e/organizzazione destinata all'esercizio dell'attività economica (ad esempio quando i fattori produttivi vengono impiegati nella realizzazione del bene o servizio che vendiamo).

 

L'autoconsumo esterno è rilevante ai fini IVA mentre quello interno no. Entrambi hanno una rilevanza, seppur differente, ai fini delle imposte dirette.

 

Ci occupiamo oggi dell'autoconsumo esterno e di un caso particolare: l'autoconsumo di un'autovettura da parte di un professionista.

 

Essendo rilevante ai fini IVA in occasione dell'autoconsumo l'imprenditore individuale o il professionista dovranno:

 

  1. emettere una autofattura, numerata progessivamente;

  2. determinare la corretta base imponibile ai fini IVA;

  3. determinare la corretta aliquota IVA vigente al momento dell'autoconsumo per quel bene o quel servizio specifico;

  4. scegliere se operare o meno la rivalsa IVA nei confronti del beneficiario del bene o servizio;

  5. determinare le conseguenze ai fini delle imposte dirette nel caso di cessione di bene strumentale che possa determinare una plusvalenza o una minusvalenza sia di natura contabile sia natura contabile e/o fiscale ai fini delle corrette contestuali rilevazioni contabili nel Libro Giornale o nel Registro Cronologico e di conseguenza nel Bilancio di esercizio ed infine nel modello di dichiarazione dei redditi.

 

Le società emetterranno una fattura nei confronti ad esempio di uno dei soci o dei suoi famigliari beneficiari del bene o servizio.

 

Come determinare la base imponibile ai fini dell'applicazione dell'aliquota IVA?

 

Entrano in gioco due elementi:

 

  1. il prezzo di acquisto storico del bene o servizio oggetto di autoconsumo ovvero il costo di produzione o di realizzazione dello stesso, entrambi determinati nel momento in cui si effettua l'autoconsumo;

  2. la percentuale di IVA detratta dall'imprenditore o dal professionista in origine in occasione dell'entrata di tali fattori nel processo produttivo, tipicamente semplificato nel momento di registrazione della fattura di acquisto del bene o del servizio o dei fattori che hanno reso possibile la realizzazione del bene o del servizio autoprodotto internamente.

 

Circa il punto 1 non dobbiamo in modo semplicistico considerare, quindi, solo il costo storico di acquisto ma considerare altresi il deprezzamento che il bene o servizio ha subito nel processo di utilizzo interno all'attività economica esercitata.

 

Va altresi tenuto conto di eventuali incrementi di valore come ad esempio per beni strumentali oggetto di manutenzioni straordinarie e migliorative! In sostanza si deve appurare quello che è il valore residuo del bene al momento del prelievo.

Per i beni strumentali è opportuno considerare le quote di ammortamente stanziate fiscalmente e dedotte a tali fini.

 

Ai fini delle imposte dirette per i beni strumentali autoconsumati e della corretta applicazione dei principi contabili e di redazione del Bilancio occorre altresi determinare il "valore normale" del bene al momento dell'autoconsumo.

 

Confrontando tale valore con quello residuo, sia contabile sia fiscale, possiamo rilevare l'emergere di una plusvalenza o di una minusvalenza sia di natura contabile che di natura fiscale.

 

Non è detto che i due valori coincidano.

 

Il valore normale fa riferimento a situazioni di mercato di libera concorrenza, con uno stadio di commercializzazione similare al tempo e luogo in cui avviene l'autoconsumo.

 

Il valore residuo fa riferimento alla differenza contabile (ribaltabile in tutto o in parte fiscalmente) tra i valori storici di carico in contabilità del bene strumentale e il totale delle quote di deprezzamento rilevate annualmente. In tale calcolo, come già detto, incidono anche rivalutazioni o svalutazioni ovvero capitalizzazioni di costi per incrementi di valore straordinari.

 

Ai fini delle imposte dirette per i beni acquistati non strumentali o prodotti per la vendita ovvero per i servizi prodotti per la loro cessione, l'operazione di autoconsumo genera esclusivamente componenti positivi di reddito tradizionale (tipici): ricavi per l'impresa, compensi per il professionista.

 

IL CASO DI AUTOCONSUMO DI UN'AUTOVETTURA A USO PROMISCUO

 

Esaminiamo il caso di un imprenditore individuale o di un professionista che chiude l'attività e deve "autoconsumare" un bene strumentale, un'autovettura usata in modo promiscuo per l'attività esercitata e soggetta quindi a limiti di deducibilità ai fini delle imposte dirette e di detraibilità ai fini delle'imposta indiretta principale, l'IVA.

 

Se l'IVA non è stata detratta totalmente, come nel caso specifico, ai sensi dell'art.19 bis del DPR 633/1972 (in tal caso al momento al 40% dell'ammontare) o di altre disposizioni di indetraibilità oggettiva, la base imponibile è determinata moltiplicando la base imponibile (determinata ordinariamente) per la percentuale detraibile.

 

Il principio è semplice: a valle abbiamo lo stesso trattamento applicato a monte!

 

Lo stesso trattamento ai fini delle imposte dirette: trattandosi di bene strumentale (cespite) la rilevanza fiscale dell'eventuale plusvalenza o minusvalenza tiene conto del limite di deducibilità fiscale dei costi di acquisto e di mantenimento dell'autovettura, attualemnte pari al 20%.

 

Riferimenti normativi:

Ai fini IVA D.P.R. 633/1972

Articolo 2 c.2 n.5

Articolo 13 c.2 lett. C

Articolo 19 e 19 bis

 

Ai fini IMPOSTE DIRETTE D.P.R. 917/1986 (TUIR)

Articolo 54 c.1 bis e 1 ter (professionisti e lavoro autonomo)

Articolo 86 c.1 lett. c) e comma 3 (imprenditore)